SCREEN

Layout

Cpanel

Thunder Creek



di Giuseppe Finardi (Giuse.F)
Tnunder2

 

Caratteristica principale del Thunder Creek è l’uso di un solo tipo di materiale atto a formare testa/corpo, e stile costruttivo.

Lo streamer prese il nome dal torrente Thunder Creek situato nel nord del WISCONSIN, dove Keith Fulsher lo testò e perfezionò con l’intento di imitare piccoli pesci locali, questo nel 1962.

Il montaggio (già noto e usato in passato con altri materiali) è in pratica un buchtail reverse, le fibre vengono prima montate in avanti all’occhiello, vengono poi successivamente ribaltate all’indietro formando testa/corpo. Le fibre di buchtail vengono posizionate ben distinte (solitamente chiare sotto e scure sopra) per meglio marcare il distacco sotto/sopra.... evidenziando in questo modo una possibile linea laterale.

Keith F. già allora fece molte varianti del piccolo streamer, inserendo Marabu, Hackle…… ,tenendo però sempre il buchtail come materiale primario e identico montaggio.
Ormai affermatosi come definitivo e “consolidato stile costruttivo” questa tipologia di legatura viene ancora tuttora usata da molti per imitazioni d’acqua dolce e di mare.
Gli streamers originali sono quasi tutti costruiti su ami del 6-4XL con occhio dritto, il corpo in tinsel o normale filo da costruzione. La grossa testa veniva prima coperta con un leggero strato di bcomponente e/o vernice; una volta asciutta si dipingevano gli occhi prima con una macchia gialla, successivamente una pupilla nera.

Fasi di montaggio:

Tnunder3
 
 Amo 6/4 XL – filo bianco UTC 140 
Legare all’amo nel consueto modo del tinsel piatto (darà maggior lucentezza), tagliare poi l’eccedenza.

 

Tnunder4
 

Girare l’amo, scegliere fibre di bucktail lunghe e dritte, prima di fissarle verificarne la lunghezza che dovrebbe (una volta capovolte all’indietro) uscire dalla curvatura dell’amo almeno di un cm.

 

 
Tnunder5
  

Dopo aver tagliato l’eccedenza riposizionare l’amo, rifissare ulteriormente le fibre avendo cura di bloccarle da dove inizia l’occhiello a circa 7/8 mm per la formazione della testa.

Tnunder6
Tnunder7
 
 

“per chi volesse”

Dopo la fase sopra sarà più facile e con minore impiccio inserire a piacere sul gambo dell’amo piume e/o altro per dare maggior volume.

 
Tnunder8
Tnunder8
  

Ripetere la stessa legatura (come sopra) avendo sempre cura di bloccare le fibre in linea (inizio occhiello) e separate da quelle sottostanti.

Tnunder10
 

Dopo aver tagliato l’eccedenza, bloccare il tutto e fare qualche nodo di chiusura (una goccia d’attack). E’ possibile procedere con lo stesso filo bianco colorando di rosso, o cambiando direttamente il filo.

 

Tnunder11
 

Giriamo nuovamente l’amo per bloccare il primo gruppo di  fibre a fine gradino (è possibile anche bloccare il tutto in unica volta aiutandosi con un piccolo tubicino di plastica); fare poi qualche nodo di chiusura.

 

Tnunder12
  

Riposizioniamo l’amo e blocchiamo il secondo gruppo di fibre tenendole sempre ben separate sotto/sopra; chiudere il tutto con una goccia d’attack. Irrobustire poi la testa con vernice colla o altro.

 

Tnunder13
  

Posizionare gli occhi e dare un ulteriore strato di vernice.

 

 

Tnunder13

Esempi.

 

Finardi Giuseppe (Giuse.F)

E Cue de Rat Berghem

logo cue de rat




© PIPAM.it

PIPAM Shop ...

Sei qui: Home Fly Tying Flies Thunder Creek